Gli ormoni tiroidei agiscono sull’aparato cardiovascolare sia direttamente sia indirettamente, determinando – quando in eccesso – vasodilatazione periferica, aumento e irregolarità della frequenza cardiaca e della forza di contrazione del miocardio.
Viceversa, l’ipotiroidismo è causa spesso di bradicardia.