Il 23 maggio 2012 si è svolta la Giornata Mondiale della Tiroide (“Thyroid Awareness Day”) promossa dalle principali Associazioni Scientifiche della tiroide dell’Europa e degli altri Continenti.

In Italia l’evento è stato promosso dall’Associazione Italiana della Tiroide (AIT), Associazione Medici Endocrinologi (AME), Società Italiana di Endocrinologia (SIE), insieme al Comitato della Associazioni dei Pazienti Endocrini (C.A.P.E.).

Scopo della iniziativa, sensibilizzare l’opinione pubblica e il mondo scientifico sui crescenti problemi legati alle malattie della tiroide e sul loro impatto sulla salute della donna e sulla gravidanza, con particolare riguardo all’azione preventiva della iodoprofilassi.
Il programma della Giornata Mondiale della Tiroide ha compreso diversi eventi: incontri informativi sulla tiroide con accesso libero (es. scuole e parrocchie); apertura degli ambulatori endocrinologici per visite gratuite durante la settimana; convegni con la partecipazione di associazioni dei pazienti e rappresentanti delle istituzioni locali; screening “mirati” per le donne che programmano una gravidanza.

Evento centrale è stata la Conferenza a Roma presso il Ministero della Salute, per sottolineare l’importanza medica e sociale delle malattie della tiroide.
Il tema conduttore di quest’anno è stato “La Tiroide è Donna – La Tiroide e la Gravidanza”. Rimane centrale il ruolo della iodoprofilassi esteso a tutta la popolazione sia maschile che femminile e del supplemento di iodio in gravidanza e durante l’allattamento. Le società promotrici hanno elaborato una brochure informativa che verrà distribuita presso gli ambulatori endocrinologici e ginecologici insieme ad un questionario che verrà compilato con l’aiuto di uno specialista. Il questionario raccoglierà una breve anamnesi sulla possibile presenza di malattie tiroidee delle donne intervistate e fornirà elementi sullo stato di conoscenza della popolazione femminile su tematiche importanti legate alla diffusione delle principali malattie tiroidee nella donna in generale, alla iodoprofilassi e allo screening precoce delle malattie tiroidee in donne sia in gravidanza sia che ne stiano programmando una.