Come funziona la tiroide

Come funziona la tiroide



Il tumore della tiroide è il più comune dei carcinomi endocrini, caratterizzato dalla comparsa di un nodulo alla tiroide che può essere curato chirurgicamente.

La tiroide

La tiroide è una ghiandola endocrina con una forma che ricorda quella di una farfalla, essendo formata da due lobi uniti fra loro da un istmo.

Il funzionamento della ghiandola tiroidea è costituito da un complesso sistema “circolare” (vedi illustrazione), ma semplificando si può dire che la sua funzione principale sia quella di produrre ormoni contenenti iodio che, tramite il sangue, raggiungono e influenzano l’attività di molti gli organi e apparati, tra cui il Sistema Nervoso (SN), l’apparato cardiovascolare, l’apparato respiratorio e l’apparato riproduttivo.

Il tumore della tiroide

Il cancro della tiroide, pur rappresentando non più del 2-3% del totale dei carcinomi, è il tumore più comune del sistema endocrino.

Esso si presenta sotto forma di nodulo tiroideo, anche se meno del 5% dei noduli tiroidei risulta essere maligno. A seconda della tipologia di cellule da cui è composto, si può dividere in:
  • Papillare: il più frequente (70-80%), soprattutto nella fascia di età 30-50 anni, ma generalmente poco aggressivo.
  • Follicolare: costituisce dal 5 al 15% di tutti i tumori della tiroide ed è più frequente negli anziani. Più aggressivo rispetto al papillare, generalmente ha comunque un decorso favorevole.
  • Midollare: rappresenta il 5-10% dei tumori alla tiroide che sono in grado di produrre una proteina rilasciata nel sangue, la calcitonina; colpisce prevalentemente dopo i 50 anni di età, nel 25% dei casi è familiare e in questo caso è spesso associato ad altri problemi di carattere endocrino.
    Le forme ereditarie possono essere diagnosticate attraverso un test genetico sulle cellule del sangue. In assenza di metastasi, la prognosi è buona.
  • Anaplastico: è la forma più rara (1-5% dei casi) ma più pericolosa di tumore alla tiroide; colpisce prevalentemente gli anziani, determina un veloce e doloroso ingrossamento della ghiandola, ed è molto difficile da trattare.

I sintomi

Come detto il sintomo più frequente di un tumore alla tiroide è la comparsa di un nodulo avvertibile al tatto nell’area della ghiandola.
Per il suo inquadramento diagnostico si può controllare il livello di ormoni tiroidei nel sangue, effettuare un’ecografia e un agoaspirato.

Tumore della tiroide: la tiroidectomia

La terapia più comune per il tumore della tiroide è la tiroidectomia, ovvero l’asportazione della tiroide


La terapia

La terapia del tumore della tiroide più efficace consiste nell’asportazione chirurgica della ghiandola, a cui si fa seguire, laddove indicato, trattamento radiometabolico a base di iodio radioattivo.

Si tratta di uno degli interventi più eseguiti nel nostro Paese: ogni anno, ne vengono effettuati oltre 40 mila. Sono, infatti, più di 6 milioni le persone che in Italia soffrono di problemi legati alla tiroide.

Per questi interventi l’anestesia è quasi sempre di tipo generale. Solo in alcuni casi molto selezionati (come ad esempio donne in gravidanza o pazienti con gravi malattie cardio-respiratorie), si può utilizzare anche un’anestesia locale.
Summary
Article Name
Il tumore della tiroide: il più comune del sistema endocrino
Description
Il tumore della tiroide è il più comune dei carcinomi endocrini, caratterizzato dalla comparsa di un nodulo alla tiroide che può essere curato chirurgicamente
Author
Publisher Name
Tiroide.com


Publisher Logo