Ce lo confermano ogni anno le statistiche: le patologie legate alla tiroide sono in crescita in Italia, con oltre sei milioni di persone che ne soffrono. Nel contempo il “Dr. Google” è sempre più presente nelle nostre vite a volte in competizione con il Medico “tradizionale” per darci risposte. In questo contesto, sempre più dominato dalle tecnologie digitali, quattro anni fa iniziava la sua attività Tiroide.com, spazio ideale di incontro tra Medico, Paziente e famiglie dove la malattia tiroidea viene descritta, spiegata e, soprattutto, dibattuta, confrontata da ognuno dei protagonisti, con il proprio punto di vista, condizione, esperienza. Alla ricerca di approcci, soluzioni, conforto, solidarietà, visioni e con un comune denominatore: fare insieme.

Dopo quattro anni Tiroide.com ha deciso di offrire una sintesi, aperta al nuovo e all’originale, di quanto la “piazza virtuale” ha dibattuto e raccontato e lancia l’iniziativa “Tiroide 2.0 – In Rete per il dialogo e la cura”, trasmissione andata in diretta webstreaming su Tiroide.com il 20 ottobre 2016, e in contemporanea su Twitter e Alfemminile (media partner dell’iniziativa), con un numero Whatsapp a disposizione del pubblico per partecipare in diretta.


La narrazione della patologia tiroidea, raccolta in oltre quattromila messaggi inviati in quattro anni di attività agli specialisti attivi sul sito Tiroide.com, è diventata protagonista, analizzata e commentata da medici e specialisti dell’informazione presenti in dialogo diretto con il pubblico in rete. Obiettivi: raccontare un’esperienza virtuosa di dialogo tra medico e paziente in rete, in tempi in cui spesso l’argomento è affrontato in termini non sempre chiari e completi; dare avvio a un modello di comunicazione medico scientifica corretta; dare voce a malati e familiari. Cristina Cenci, antropologa, ha presentato l’analisi dei messaggi pervenuti. Oltre a lei, presenti gli Esperti on line di Tiroide.com: Laura Fugazzola, Roberto Gastaldi, Celestino Pio Lombardi, Efisio Puxeddu, Augusto Taccaliti, insieme all’editore di Tiroide.com, Roberto Franchi.
I problemi alla tiroide possono avere una ripercussione importante sulla qualità della vita delle persone: occorre diagnosticare prima possibile, operare se necessario e, infine, dosare la cura farmacologica con estrema precisione per evitare conseguenze, anche psicologicamente pesanti, se la quantità di sostitutivi degli ormoni tiroidei carenti o mancanti non è precisa. Cura ad personam, precisa, tollerata, calibrata in modo che il paziente non soffra per eccessi o deficit. Tiroide.com è al servizio di queste persone con i suoi specialisti, Tiroide2.0 fa il punto su cosa chiedono questi pazienti, quali problemi affrontano, come raccontano le loro esperienze.

Leggi tutte le risposte degli Esperti alle domande ricevute durante la diretta